Loghi istituzionali Sito Unione Europea Sito Regione Emilia Romagna Sito Ministero dell'Interno

L’Ingresso e il Soggiorno in Italia a motivo di Famiglia – Coesione Familiare

Ingresso e Soggiorno in Italia a motivo di Famiglia

Coesione Familiare

 conversione del titolo di soggiorno o del permesso di soggiorno da altro motivo a motivi familiari

Il cittadino straniero titolare di un permesso di soggiorno o che sia regolarmente soggiornante con visto o autorizzazione all’ingresso per turismo, se in possesso dei requisiti per il ricongiungimento familiare o per familiare al seguito con un proprio familiare che è già regolarmente soggiornante in Italia richiede, entro un anno dalla scadenza del proprio permesso di soggiorno o dal suo ingresso in Italia, la conversione del proprio titolo di soggiorno, del visto o autorizzazione all’ingresso posseduto, in Permesso di soggiorno per Motivi Familiari.

La domanda di rinnovo del permesso di soggiorno deve essere presentata alla Questura con la spedizione del kit postale, allegando la seguente documentazione:

  • modulo 1 del modello 209 (kit postale), opportunamente compilato;
  • modulo 2 del modello 209 (kit postale) solo se in presenza di attività o redditi da lavoro, opportunamente compilato;
  • documentazione relativa al rapporto di parentela, che se prodotta all’estero deve essere tradotta in italiano o plurilingue e legalizzata dall’Ambasciata o Consolato italiano nel Paese di origine o apostillata se proveniente da un Paese che aderisce alla Convenzione dell’Aja;
  • fotocopia del passaporto o documento equivalente in corso di validità (le pagine riportanti i dati anagrafici, la fotografia, i timbri, i visti);
  • fotocopia del permesso di soggiorno o del visto o autorizzazione all’ingresso in scadenza (o scaduto);
  • fotocopia del titolo di soggiorno del familiare o della sua carta di identità se cittadino italiano;
  • dichiarazione del cittadino straniero o del cittadino italiano, che esercita la coesione familiare, di provvedere al mantenimento economico del familiare, insieme alla fotocopia del suo documento di identità;
  • fotocopia della dichiarazione dei redditi del familiare con il quale si chiede la coesione;
  • certificato di idoneità abitativa (nel caso di coesione familiare con familiari di anni superiori ai n. 14).

Costi della domanda:

  • ricevuta del versamento di 27,50 euro per il rilascio del permesso di soggiorno in formato elettronico;
  • pagamento di 30,00 euro per le spese di spedizione;
  • pagamento di un contributo di 100,00 euro per i permessi di durata superiore ad un anno e inferiore o pari a due anni.

Il rilascio del Permesso di soggiorno per Motivi Familiari è subordinato alla verifica dell’esistenza di risorse economiche sufficienti da parte del cittadino straniero che ha richiesto la coesione familiare o da parte del familiare stesso.

Il cittadino straniero deve presentare la richiesta presso gli Uffici Postali abilitati.

L’operatore di Poste Italiane provvede a consegnare al cittadino straniero la ricevuta della raccomandata di spedizione che deve essere conservata. Sulla ricevuta sono stampati due codici identificativi personali (user id e password) tramite i quali si può conoscere, collegandosi al sito internet www.portaleimmigrazione.it, lo stato di avanzamento della pratica, la data di convocazione per il fotosegnalamento e il successivo ritiro del permesso di soggiorno.